AritmieNews.net


News

L’Amiodarone più efficace di altri antiaritmici nella prevenzione della fibrillazione atriale persistente

Medici del Dipartimento di Cardiologia della Medical University of Warsaw in Polonia hanno valutato l’efficacia della terapia antiaritmica sequenziale nel mantenimento del ritmo sinusale dopo cardioversione avvenuta con successo nei pazienti con fibrillazione atriale non-valvolare persistente.
Hanno preso parte allo studio 128 pazienti, di età media 61 anni.
Dopo il ripristino del ritmo sinusale, i pazienti sono stati trattati sequenzialmente con i seguenti farmaci antiaritmici: Propafenone ( Rytmonorm ), Sotalolo ( Sotalex ), Disopiramide ( Ritmodan ).
Nel caso di recidiva antiaritmica, i pazienti venivano sottoposti ad un’altra cardioversione e ricevevano un altro farmaco.
Se tale trattamento falliva i pazienti ricevevano una dose di carico di Amiodarone e venivano sottoposti ad una terza cardioversione.
La prima cardioversione ha prodotto ripristino del ritmo sinusale nel 55,5% dei pazienti.
Durante il primo anno di follow-up, il 43,7% ( n = 31 ) dei pazienti in ritmo sinusale è stato trattato con un farmaco antiaritmico.
L’impiego di un secondo farmaco antiaritmico è risultato efficace nel 15% ( n = 6 ) dei pazienti.
L’Amiodarone ( Cordarone ) è stato somministrato come terzo farmaco antiaritmico nei pazienti che presentavano recidiva di fibrillazione atriale dopo i primi due farmaci antiaritmici ( Propafenone, Sotalolo o Disopiramide ).
L’Amiodarone è risultato efficace nel 52,9% ( n = 18 ) dei pazienti, che sono rimasti liberi da aritmie per un periodo di 1 anno.
Un totale di 57 pazienti, nei quali la prima cardioversione non ha avuto successo, sono stati trattati con Amiodarone.
Durante il periodo di carico, il ritmo sinusale è stato ripristinato nel 12,3% ( n = 7 ) dei pazienti.I rimanenti 50 pazienti sono stati sottoposti a ripetute cardioversioni, con ripristino del ritmo sinusale nel 74% ( n = 37 ).
Il trattamento di lungo periodo con l’Amiodarone ha permesso il mantenimento del ritmo sinusale nel 68,2% ( n = 30 ) dei pazienti durante il periodo di follow-up.
In totale, l’Amiodarone ha aiutato a mantenere il ritmo sinusale nel 56,5% dei pazienti.
Secondo gli Autori, l’Amiodarone sembra essere il farmaco antiaritmico più efficace nel mantenimento del ritmo sinusale nei pazienti con fibrillazione atriale persistente, resistente alla cardioversione e alla profilassi con altri farmaci antiaritmici.( Xagena_2005 )
Kosior DA et al, Cardiology 2005; 104: 35-44
FibrillazioneAtriale.net
MedicinaNews.it